CONFARTIGIANATO A CONFRONTO CON REGIONE LOMBARDIA – Un’intensa giornata di confronto su Manovra finanziaria regionale 2019 – 2021, Autonomia, Edilizia ed Economica Circolare

25.10.2018

 

Una giornata ricca di impegni regionali quella che si è tenuta ieri in Regione Lombardia. Ad aprire la giornata gli Stati Generali del Patto per lo Sviluppo, convocati dal Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana per ragionare insieme alle parti sociali lombarde sulla Manovra Finanziaria 2019 - 2021 di Regione Lombardia e sul percorso di Autonomia regionale.

 

Il Presidente di Confartigianato Lombardia, Eugenio Massetti ha contribuito al confronto evidenziando l’importanza di orientare gli interventi e le misure verso la costruzione di un ecosistema favorevole alle MPI agendo su un pacchetto di interventi tra i quali:

 

  • Fiscalità: mantenere invariata la pressione fiscale e rendere l’azzeramento triennale dell’IRAP misura strutturale estesa a tutti i comuni;

  • Digitalizzazione, Economia 4.0, Innovazione e Ricerca: favorire il collegamento con il mondo della ricerca e dell’innovazione attraverso azioni di sistema che valorizzino il ruolo dei DIH – Digital Innovation Hub e prevedendo misure in grado di sostenere l’innovazione tecnologica ed incrementale vicina al mercato, unico strumento per far sì che i progetti si traducano in effettiva crescita in termini di competitività;

  • Investimenti: prevedere una misura per le MPI che preveda procedure semplificate e maggior % fondo perduto anche con la garanzia Confidi;

  • Internazionalizzazione: confermare le misure per facilitare l’accesso ai mercati internazionali da parte delle MPI, nonché definire un piano di sistema per la formazione ed accompagnamento delle imprese in vista di Expo Dubai 2020;

  • Credito: assicurare tempi adeguati per la realizzazione del percorso Fondo Centrale di Garanzia, Lettera R); riapertura del bando controgaranzie per Confidi; costruzione di nuovi strumenti innovativi per la finanza d’impresa che vedano Regione Lombardia investire in crediti per le MPI con garanzia Confidi;

  • Sicurezza: ampliare il target dei beneficiari e rendere stabili le misure incentivanti privilegiando le aree periferiche e gli insediamenti produttivi comunali (PIP) anche integrando eventuali bandi promossi dalle CCIAA.

  • Attrattività:sostenere le vocazioni territoriali e le eccellenze con progetti integrati;

  • Formazione: sostenere percorsi di adeguamento delle competenze al mercato del lavoro;

  • Sostegno all’occupazione: valorizzare il ruolo della bilateralità e rifinanziare Dote Unica Lavoro;

  • Difesa del suolo: agire sul tema della rigenerazione urbana anche come opportunità di rilancio di alcuni settori;

  • Qualità dell’aria: la qualità dell’aria è sempre più un tema centrale, ma occorre una adeguata politica di accompagnamento che non penalizzi l’impresa e l’economia del territorio; 

  • Infrastrutture: rimangono uno dei punti nodali della competitività del territorio. Risulta quindi determinante stanziare risorse adeguate a sostenere il monitoraggio e relative opere di manutenzione, unitamente ad un ammodernamento dei centri intermodali, anche favorendo un sistema integrato di trasporto su gomma, ferro ed acqua.

 

A conclusione dell’intervento il Presidente Massetti auspicando il completamento del percorso sull’Autonomia regionale e confermando il forte sostegno di Confartigianato Lombardia dichiara “Siamo convinti che una maggiore autonomia consentirà semplificazione per una P.A. più facilmente accessibile e attenta alle esigenze delle imprese, nonché di mettere in circolo ulteriori risorse grazie alla capacità della Lombardia di fare qualità con efficienza”.

 

I lavori della giornata sono poi proseguiti con il Tavolo Regionale dell’Edilizia, convocato dall’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, che nel ricordare il ruolo centrale del settore per l’economia lombarda, ha evidenziato la necessità di lavorare insieme per l’individuazione di un modello di sviluppo sostenibile del settore. Al confronto Confartigianato Lombardia ha partecipato con il Presidente Edilizia, Virgilio Fagioli, che ha indicato come prioritari i temi della rigenerazione urbana, che dovrà tener conto anche di un monitoraggio di tutti gli immobili dismessi, della semplificazione normativa e della formazione.  

 

In chiusura di giornata la costituzione dell’Osservatorio Regionale per l’economia circolare, promosso dall’Assessore Regionale Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo e che si inserisce nel più ampio percorso di transazione verso un sistema economico a zero emissioni. Ai lavori ha partecipato il Presidente di Confartigianato Lombardia, Eugenio Massetti, che nell’evidenziare come l’insediamento dell’Osservatorio coincide con gli eventi della X edizione della Settimana per l’Energia di Confartigianato in Lombardia, ha dichiarato: “Da sempre le micro e piccole imprese hanno nel proprio DNA il concetto dell’economia circolare che le caratterizza nel modo di fare impresa. Nel passaggio dall’attuale modello di “economia lineare” ad un nuovo modello di “economia circolare”, l’impresa a valore artigiano deve essere protagonista,  perché rigenerare è #valoreartigiano!!”

 

 

  

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Le ultime news
Please reload

Le ultime news dal territorio
Please reload

Archivio