SPECIALE CALZATURE - In Lombardia le imprese a valore artigiano protagoniste del settore

11.02.2019

 

Nella settimana del MICAM, salone internazionale della calzatura, presentiamo un quadro del settore in Lombardia, regione che vede protagonista le imprese a valore artigiano.

In Lombardia nel 2018 si contano infatti 942 imprese produttrici di calzature, di cui il 40,2%, pari a 379 unità, sono artigiane, e 745 imprese che riparano calzature, di cui 705 artigiane (94,6% del totale).

 

2 imprese su 5 che producono scarpe (40,2%) in Lombardia sono a valore artigiano, in particolare rappresentano oltre la metà delle imprese impegnate nel settore a Lodi (75,0%), Cremona (70,0%), Mantova (57,1%), Bergamo (53,8%) e Pavia (52,1%).

Nella classifica delle prime 20 province italiane per numero di Imprese totali e artigiane che producono calzature si trovano Milano e Pavia: Milano 10^ nel rank con 365 imprese totali e Pavia 14^ nel rank con 305 imprese; mentre nell’artigianato Pavia si posiziona 11^ con 159 imprese artigiane e Milano 16^ con 97 imprese artigiane.

In particolare una maggiore specializzazione produttiva nel creare e realizzare calzature si rileva in provincia di Milano nei comuni di Milano, Parabiago e Legnano e in quella di Pavia nei comuni di Vigevano, Gamblò e Garlasco.

 

In tutte queste imprese dislocate per la Lombardia sono occupati 6.864 addetti e di questi 1 su 5 (22,9% del totale, pari a 1.570 addetti) lavora in un’impresa artigiana.

Sempre volgendo lo sguardo al tessuto imprenditoriale lombardo specializzato nella produzione di calzature si evince l’accentuata vocazione alla micro-piccola impresa, con il 97,3% delle imprese con meno di 50 addetti, che danno occupazione al 67,7% degli addetti. 

 

Le vendite all’estero delle calzature made in Lombardia producono ricavi pari a 1,5 miliardi di euro negli ultimi 12 mesi, pari al 16% dei ricavi totali ottenuti dalla vendita di calzature oltre confine. Nei primi 9 mesi del 2018 le performance dell’export di scarpe sono positive (+10,6%) di gran lunga migliori di quelle registrate a livello nazionale (+2,4%). L’ottima performance è dovuta principalmente all’aumento delle vendite sui mercati di Stati Uniti, Cina e Regno Unito che figurano tra i paesi top 10 insieme a Francia, Svizzera, Hong Kong, Germania, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti e Giappone.

 

Milano, Brescia e Pavia sono le tre province che maggiormente esportano calzature nel mondo. In particolare il 69,3% dell’export lombardo di calzature viene realizzato da imprese con sede in provincia di Milano, che negli ultimi 12 mesi esportano scarpe oltre confine per un valore di 1.089 milioni di euro. Sempre con riferimento alle performance dell’export di calzature prodotte nell’area milanese si osserva come la crescita intercettata tra gennaio-settembre 2018 rispetto a gennaio-settembre 2017 sia superiore a quella regionale e a quella nazionale (+15,4%).

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Le ultime news
Please reload

Le ultime news dal territorio
Please reload

Archivio