CORONAVIRUS – Il Governo vara nuove restrizioni per fermare il contagio: negozi chiusi, attività produttive aperte ma massima attenzione alla sicurezza

12.03.2020

 

 

 

Nella serata di ieri il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un nuovo DPCM che introduce ulteriori restrizioni per il contenimento della diffusione del Coronavirus. Il provvedimento, che entra in vigore già da oggi, 12 marzo, sospende tutte le attività del commercio al dettaglio, ad esclusione dei punti vendita di generi alimentari e di prima necessità, come le farmacie e parafarmacie, ma anche edicole e tabaccai e un lungo elenco di attività. Stop anche a tutto il settore della ristorazione, mantenendo valida la possibilità di effettuare consegne a domicilio e con l’esclusione delle mense in grado di assicurare la distanza minima di un metro e degli autogrill. Stop a parrucchiere ed estetiste, resteranno aperte lavanderie, pompe di benzina e officine meccaniche, artigiani (idraulici, elettricisti, ecc.), ma anche banche, assicurazioni, Poste e servizi finanziari, così come la filiera agroalimentare. Sempre con le precauzioni sulla distanza interpersonale di un metro già introdotte nei precedenti decreti.

 

Restano aperte anche le attività produttive e professionali, con la regola di massimizzare lo smart working, le ferie e i congedi e di sospendere l’attività nei reparti non indispensabili. Ma dovranno essere garantite misure di sicurezza, dispositivi di protezione e limitazioni ai contatti tra gli addetti.

 

Le misure, che rendono l’Italia una sorta di grande “zona rossa”, saranno in vigore fino al 25 marzo, con l’obiettivo di fermare il contagio: “rinunce”, annunciate dal premier Giuseppe Conte, che «stanno dando un grande contributo al Paese» nella lotta al Coronavirus e che faranno sì che l’Italia «ce la farà». Accolta gran parte delle richieste avanzate da Regione Lombardia e dai sindaci lombardi, per poter “fermare il contagio per ripartire al più presto”.

 

Queste le misure, che producono effetto dalla data del 12 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020:

  • Sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per quelle di vendita di generi alimentari e di prima necessità (nella media e grande distribuzione e nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso solo a queste attività). Nell’elenco dei settori di prima necessità rientrano:

    • ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimarket alimentari;

    • surgelati;

    • elettronica, informatica ed elettrodomestici;

    • pompe di benzina;

    • esercizi specializzati di Ict;

    • ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico;

    • articoli igienico-sanitari;

    • articoli per l’illuminazione;

    • edicole

    • farmacie;

    • parafarmacie;

    • ortopedia e medicali

    • profumeria e igiene personale;

    • piccoli animali domestici;

    • ottica e fotografia;

    • combustibile per uso domestico e riscaldamento;

    • saponi, detersivi;

    • e-commerce, televendite, vendite per corrispondenza e per mezzo di distributori automatici;

  • Chiusi i mercati, salvo attività dirette alla vendita di soli generi alimentari

  • Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie, sempre garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro

  • Sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione di mense e catering continuativo, garantendo la distanza di un metro

  • Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio

  • Restano aperti gli autogrill e gli esercizi di somministrazione all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali, garantendo la distanza di sicurezza

  • Sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti), fatta eccezione per lavanderie, tintorie e servizi di pompe funebri

  • Garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi

  • Restano attive le attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare, comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi

  • Trasporto pubblico locale: possibili riduzioni e soppressioni su indicazione di Regioni e Mit, garantendo i servizi essenziali

  • Smart working anche in deroga agli accordi individuali nelle PA

  • Attività produttive e professionali:

    • massimo utilizzo dello Smart working;

    • incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti;

    • sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;

    • protocolli di sicurezza anti-contagio e adozione di strumenti di protezione individuale;

    • operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro;

    • (per le sole attività produttive) limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni; si favoriscono intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.

  • Si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacalI

  • Per tutte le attività non sospese vale comunque la regola del massimo utilizzo dello Smart working

 

Le precedenti disposizioni, definite nei DPCM dell’ 8 marzo e del 9 marzo, rimangono valide fino al 3 aprile 2020 tranne dove incompatibili con quelle definite dal Decreto dell'11 marzo.

 

QUI il DPCM 11marzo 2020

 

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA NOSTRA PAGINA DEDICATA ALL’EMERGENZA.

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Le ultime news
Please reload

Le ultime news dal territorio
Please reload

Archivio