CORONAVIRUS - L’Inps risponde a Confartigianato su stop a versamenti e adempimenti contributivi e previdenziali

23.03.2020

 

Dopo la precisazione sulle modalità per accedere al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi, l’Inps risponde con un altro chiarimento alle sollecitazioni di Confartigianato per quanto riguarda la sospensione degli adempimenti e dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali.  In una nota del 21 marzo, l’Istituto chiarisce che la sospensione comprende anche quelli relativi alla quota a carico dei lavoratori dipendenti.

 

"In un primo momento – fa rivelare l’Inps –  con la circolare n. 37/2020, “valutata favorevolmente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in quanto in linea sia con il dettato normativo che con le istruzioni fornite dall’Inps in casi analoghi, è stato precisato che la quota a carico dei lavoratori, se trattenuta in busta paga dai datori di lavoro, deve essere versata entro le scadenze legali e non è soggetta alla sospensione prevista dal decreto-legge n. 9/2020”.
 

Tuttavia, “alla luce dell’aggravamento della situazione epidemiologica che ha portato all’emanazione di un ulteriore decreto di urgenza (decreto-legge n. 18/2020), il Ministero del Lavoro ha riponderato il parere in precedenza espresso senza riserve tecniche e di merito sulla circolare n. 37/2020″ precisa l’INPS. In particolare, “il decreto legge n.18/2020, favorendo la posizione dei creditori di imposta, ha indotto a ritenere che la sospensione degli adempimenti e dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali comprenda anche quelli relativi alla quota a carico dei lavoratori dipendenti, fermo restando l’obbligo di riversamento all’Istituto entro la data di ripresa dei versamenti in un’unica soluzione, senza applicazione di sanzioni e interessi, o mediante rateizzazione, fino ad un massimo di cinque rate mensili di pari importo, senza applicazione di sanzioni e interessi” conclude l’INPS.

 

Per quanto riguarda l’accesso all’indennità di 600 euro per i lavoratori autonomi, l’Inps ha specificato: “Non c’è nessun click day inteso come finestra dentro la quale si possono fare domande di prestazioni. Avremo domande aperte a tutti, ed un giorno di inizio, con un click. Purtroppo, c’è stato un grande fraintendimento su questa formula. La spiegheremo meglio a tutti i nostri utenti”.

 

 

 

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA NOSTRA PAGINA DEDICATA ALL’EMERGENZA.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Le ultime news
Please reload

Le ultime news dal territorio
Please reload

Archivio