CORONAVIRUS – Confartigianato al Premier Conte: “Liquidità immediata alle piccole imprese”

02.04.2020

 

 

In una lettera inviata oggi al Presidente del Consiglio Conte Confartigianato invita il Governo a ispirarsi al Piano Bridge e a quanto deciso negli Stati Uniti e in Francia per realizzare le misure economiche di prossima emanazione, fornendo risposte rapide alle esigenze dei piccoli imprenditori italiani.

 

“Dobbiamo essere tempestivi e concreti per evitare che dall’emergenza sanitaria si passi ad un’emergenza sociale che non ci possiamo permettere. Abbiamo bisogno anche in Italia – scrive Confartigianato – di un Piano Straordinario per la Liquidità delle Imprese, di un’ingente erogazione di credito, con la garanzia 100% dello Stato, che ci possa consentire la ripresa. Dobbiamo essere messi nelle condizioni, in maniera semplice e diretta, di poter garantire il posto di lavoro ai nostri collaboratori e ripartire più forti e motivati di prima, una volta che l’emergenza sanitaria sarà conclusa”.
 

Il problema più impellente per le nostre imprese è la liquidità. Per questa ragione è fondamentale che vengano rinviate le scadenze fiscali di aprile e che ci sia l’adeguato finanziamento degli ammortizzatori sociali. Ma soprattutto vanno messe in campo risorse immediatamente accessibili alle micro e piccole imprese”.
 

Confartigianato indica, a questo proposito, quanto deciso dalla Small Business Administration degli Stati Uniti (l’agenzia governativa che fornisce supporto alle piccole imprese), insieme al Segretario di Stato al Tesoro ed a seguito del CARES Atc firmato dal Presidente Trump. Uno sforzo di mobilitazione pubblico-privato senza precedenti per la messa a disposizione alle piccole imprese del capitale di cui hanno bisogno. Sono 349 miliardi di dollari destinati a sostenere le piccole imprese “in modo che possano continuare ad essere il carburante economico” del Paese. E’ prevista la garanzia al 100% da parte della SBA, nessuna commissione, tasso di interesse allo 0,5% . La parola chiave è speed, velocità. Velocità nel mettere a disposizione le risorse, velocità nel poter fare le domande, velocità – le richieste nel Piano SBA devono essere approvate lo stesso giorno – da parte degli Istituti di credito. Il fine è quello di consentire alle piccole imprese di mantenere la loro forza lavoro e poter ripartire.
 

Misure simili sono state adottate dalla Francia che ha stanziato 1,2 miliardi a sostegno delle micro imprese e dei lavoratori autonomi con il “Fonds de solidarité” che prevede forme di sovvenzioni dirette per consentire ai beneficiari di affrontare i costi di gestione nella difficile situazione causata dalla pandemia del COVID-19. I beneficiari del Fondo sono imprese con un massimo di 10 dipendenti, un fatturato annuo non superiore a 1 milione di euro che o sono state chiuse per decisione amministrativa a seguito dell’epidemia Coronavirus.

 

 

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA NOSTRA PAGINA DEDICATA ALL’EMERGENZA.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Le ultime news
Please reload

Le ultime news dal territorio
Please reload

Archivio