Home

DL PNRR – Con estensione e-fattura tagliare inutili adempimenti per imprese



Completare l’estensione, dal 1° luglio 2022, dell’obbligo di fatturazione elettronica ai soggetti forfettari deve portare a significative semplificazioni degli adempimenti fiscali a carico delle imprese. Questo il commento di Confartigianato alla misura contenuta nel Decreto legge sul PNRR varato dal Governo che introduce l’adempimento per i soggetti di più ridotte dimensioni, con una apprezzabile attenzione alle imprese fino a 25.000 euro di ricavi per le quali l’avvio sarebbe ritardato al 2024.


“L’obbligo di fatturazione elettronica per tutte le partite IVA – sottolinea Confartigianato – consente all’Amministrazione finanziaria una conoscenza, in tempo reale, dei comportamenti dei contribuenti, per quanto riguarda sia le vendite che gli acquisti, e di conseguenza va accompagnata con una drastica eliminazione di adempimenti che nel tempo si sono stratificati con finalità di contrasto all’evasione”.


In particolare, Confartigianato indica la necessità di abrogare il sistema del reverse charge in edilizia e quello dello split payment, di ridurre la ritenuta sui bonifici bancari relativi a spese che danno diritto a detrazioni, di eliminare l’obbligo di trasmissione delle liquidazioni periodiche IVA e innalzare il limite di compensazione dei crediti fiscali in assenza di visto.