Home

CONGIUNTURA - Nonostante la ‘gelata di primavera’ si confermano risultati positivi per la produzione



“La produzione lombarda a livello congiunturale, a inizio 2022, registra per il nostro comparto artigiano un rallentamento lieve che, in questo contesto di incertezza dovuta al conflitto e alla coda lunga della pandemia, è già un risultato, testimonianza della tenacia degli imprenditori”. - dichiara il Presidente di Confartigianato Lombardia Eugenio Massetti. “I risultati positivi sono sostenuti da portafogli ordini ancora ai massimi: il problema, dunque, più che la domanda, pare essere l’offerta, dei profili competenti ma anche di materie prime (con costi peraltro alle stelle) e quindi di capacità produttiva.” “Inoltre - conclude Massetti - si fanno spazio a grandi passi le preoccupazioni dovute al contesto internazionale e al gap sempre crescente tra le richieste delle imprese e i profili disponibili e adeguatamente formati sul mercato; questo porta le aspettative a seguire un trend negativo, in un trimestre che possiamo definire generalmente stabile.”

Deragliamento bolletta energetica, crescita incessante dell’inflazione, conflitto Russia-Ucraina, siccità, lockdown cinese, tensioni finanziarie ecc. questi tra i principali fattori di preoccupazione di imprese e famiglie.

Nonostante tale scenario non prospetti nulla di buono i dati relativi al I trimestre dell’anno in corso per l’artigianato manifatturiero lombardo, come per l’industria, non forniscono elementi che uniti compongono un quadro di sole sfumature grigio nere. Al contrario si rileva per l’artigianato una crescita della produzione sia congiunturale (+2%) che tendenziale (+9,6%).

Produzione, così come ordini e fatturato restano precedu