Home

DL SOSTEGNI TER

Via la stretta su cessione crediti per bonus edilizia e definire una politica energetica


Va stralciato l’articolo 28 del Dl Sostegni ter che, limitando ad una sola cessione il trasferimento dei crediti fiscali per l’utilizzo dei bonus edilizia, ha paralizzato gli investimenti e l’occupazione delle imprese e le prospettive di ripresa del settore delle costruzioni”.


Lo ha chiesto Confartigianato intervenuta oggi all’audizione in Commissione Bilancio del Senato sul Decreto Legge Sostegni del 27 gennaio scorso.


Il condivisibile e doveroso intento di contrastare le frodi che ha ispirato l’articolo 28 – sostiene la Confederazione – va perseguito con efficaci attività di controllo. La stretta sui crediti fiscali, invece, non fa altro che bloccare uno dei settori che sta garantendo investimenti e lavoro e che contribuisce alla transizione green. Gli effetti negativi delle continue modifiche normative ai bonus edilizia, ben 9 negli ultimi 20 mesi, vale a dire una ogni 68 giorni, si stanno già vedendo con la riduzione dei lavori conclusi ammessi a detrazione: a gennaio ammontano a 1.563 milioni di euro, un valore praticamente dimezzato (-46,2%) rispetto ai 2.904 milioni di dicembre 2021 (che aveva segnato un +87,5% rispetto a novembre 2021). Sono a rischio le 127mila assunzioni previste dalle imprese delle costruzioni nel primo trimestre di quest’anno.


In alternativa allo stralcio dell’articolo 28, Confartigianato indica