Home

CORONAVIRUS – Moda: gli artigiani e i piccoli imprenditori elemento essenziale per l’intera filiera

Aggiornato il: 1 ott 2020

Come per una nave in mezzo alla tempesta si cerca il miglior timoniere, così per il settore moda (solo) oggi tutti convergono sulla centralità delle micro e piccole imprese come elemento essenziale per la sopravvivenza dell’intero sistema italiano.


Dalle pagine del Corriere della Sera di oggi (leggi QUI) Anna Wintour, direttrice di Vogue America, chiama a gran voce interventi del Governo italiano a supporto dei due milioni di persone che ruotano intorno alla moda italiana, ritenendo l’artigianalità del nostro Paese il futuro per l’intero sistema globale. Francois Henri Pinault alla guida di Kering (Gucci, Bottega Veneta, Pomellato etc.) sollecita fortemente una protezione delle piccole aziende italiane, in prevalenza a gestione familiare, come elemento imprescindibile alla continuità dell’eccellenza della manifattura di settore mentre Renzo Rosso, fondatore del brand Diesel, teme che la filiera artigianale della moda possa essere spazzata via, dopo cento anni di duro lavoro, auspicando che moltissime produzioni ora delocalizzate possano rientrare in Italia a sostegno del sistema made in Italy.


TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA NOSTRA PAGINA DEDICATA ALL’EMERGENZA.